VAN GOGH CAPOLAVORI DAL KROLLER-MULLER MUSEUM IN MOSTRA A ROMA

Si è aperta a Palazzo Bonaparte a Roma, la mostra dedicata a Van Gogh, visitabile fino al 26 marzo 2023. In esposizione alcune opere del Kroller-Muller Museum.

Sala multimediale, Palazzo Bonaparte, Roma

Visitare la mostra dedicata a Van Gogh, è come fare un viaggio nel tempo e nello spazio, ma soprattutto nella mente del grande artista. L’esposizione, curata da Maria Teresa Benedetti e Francesca Villanti, è prodotta da Arthemisia e realizzata in collaborazione col Kroller-Muller Museum di Otterlo, che ha prestato le opere, e gode del patrocinio della Regione Lazio, del Comune di Roma Assessorato alla Cultura e dell’Ambasciata del Regno dei Paesi Bassi.

L’attesa della mostra è stata lunga ma i suoi frutti ora sono visibili: due piani di esposizione e cinque sezioni. Non è possibile esprimere a parole le emozioni suscitate dalle opere di Van Gogh, né ridurre in poche righe la storia della vita tormentata di questo grande artista, animo sensibile e sensibilizzato dalla malattia mentale. Per questo motivo, sono le sue opere a parlare per lui, in un percorso multimediale di grande intensità.

Helene Kroller-Muller, @museumpeul.eu

Prima sezione: l’incontro con Helene Kroller-Muller, la collezionista che nel 1908 acquista un dipinto di Van Gogh, e successivamente, molte altre opere dell’artista. Helene vuole creare un cambiamento sociale e culturale attraverso l’arte, un’eredità artistica da donare al mondo dopo la sua morte; così, inizia a collezionare un gran numero di opere d’arte moderna che andranno a creare il museo a lei dedicato.

Vincent Van Gogh, Donne nella neve che trasportano sacchi di carbone, 1882 @Kroller-Muller Museum

Seconda sezione: il periodo olandese. Negli anni tra il 1881 e il 1890, si assiste alla nascita di Van Gogh come artista, con le opere del cosiddetto periodo olandese: per lo più scene della dura vita quotidiana di uomini e donne, ritratti tra la neve, dediti a trasportare sacchi o svolgere altri lavori pesanti, i volti intensi e segnati dalla vita, come nel celebre “I mangiatori di patate”.

Vincent Van Gogh, I mangiatori di patate, 1885. litografia su carta velina @Kroller-Muller Museum

Terza sezione: Parigi, e l’incontro con l’espressionismo, con il cambio della tavolozza cromatica che passa dai colori freddi e cupi del periodo olandese alle tinte calde e vivaci, al famoso giallo dei girasoli, al viola delle iris.

Quarta sezione: Arles, dove Van Gogh si trasferisce per cercare la calma dopo gli anni impetuosi di Parigi e, infine, l’ultima sezione dedicata a Saint Remy de Provence e Auvers sur Oise, dove troverà la morte suicidandosi con un colpo al petto, dopo numerosi ricoveri in manicomio e una vita spesa per l’arte, tra alcolismo e follia, che tuttavia non ne hanno mai offuscato il genio.

Vincent Van Gogh, Covone sotto un cielo luminoso, Auvers-sur-Oise, 1890 @Kroller-Muller Museum

Vincent Van Gogh, Il giardino del manicomio di Saint Remy, 1889, @Kroller-Muller Museum
Vincent Van Gogh, Paesaggio con covoni e luna nascente, 1889 @Kroller-Muller Museum
Vincent Van Gogh, Tronchi d’albero nell’erba, 1890 @Kroller-Muller Museum
Vincent Van Gogh, Sulla soglia dell’eternità, 1890 @Kroller-Muller Museum,
Vincent Van Gogh, Autoritratto, 1887 @Kroller-Muller Museum

Copyright © 2022 TheWomenSentinel.net | Tutti i diritti riservati | Riproduzione Vietata |

  • Registrazione Tribunale di Roma n.133/22 del 8/11/22
  • Direttore Stefania Catallo

Stefania Catallo, romana e fondatrice del centro antiviolenza Marie Anne Erize. Si occupa di storia orale e di diritti delle donne. Giornalista e scrittrice, ha pubblicato diversi libri, l'ultimo dei quali "Evviva, Marie Anne è viva!" (2018, Universitalia), ha ricevuto il Premio Orsello nella sezione Società.

Redazione:

Emyliù Spataro

Emilio Spataro, in arte Emyliù, attore, chansonnier, fotografo, grafico. Di origine calabrese cirotana, vive a Roma. Webmaster del Magazine.

Saverio Giangregorio

Attivista ANPI e Amnesty International, femminista, si occupa anche di Jus Soli e della causa degli italiani senza cittadinanza. Segue dal primo giorno la vicenda di Giulio Regeni, di cui riporta l'amaro conteggio ogni giorno sui suoi profili social. Attivista ANPI per il senso di profondo rispetto verso coloro che ci hanno liberato da nazisti e fascisti. "Siamo una democrazia e indietro non dobbiamo tornare".

Mava Fankù

Opinionista disincantata, dotata di un notevole senso dell'umorismo e di una dialettica tagliente, Mava Fankù risponderà ai lettori del nostro magazine nella sua rubrica settimanale "La posta del cuore".  Niente sfuggirà al suo giudizio, tagliente ma mai cattivo, e a chi scriverà elargirà i suoi consigli per cuori feriti, timidi, birichini , tachicardici e brachicardici.

Lorenzo Raonel Simon Sanchez

Esperto in comunicazione, divulgatore e attivista per i diritti umani della comunità LGBTQ+

Alessio Papalini

Romano, educatore, formatore e appassionato di lettura e comunicazione

PATRIZIA MIRACCO

Psicoterapeuta e giornalista. Appassionata di arte e mamma umana di Aki, una bella cagnolina a quattro zampe di 4 anni.

Shares
error

Enjoy this blog? Please spread the word :)

error: Content is protected !!