STATO RELIGIOSO

MAHSA AMINI. IL VELO INSANGUINATO

L’unica certezza è che Mahsa Amini è morta. Ventidue anni, in coma dopo essere stata arrestata dalla polizia morale perché non portava bene il velo islamico. Una ragazza curda in gita a Teheran.

Iran, fine settembre 2022.

Nel web circola una foto di lei, intubata, nel letto di ospedale col viso apparentemente intatto. Come a dire: noi non l’abbiamo toccata, vedete? Ma esistono mille terribili modi per torturare, dal collo in giù. Ci siamo chiesti in questi giorni come sia possibile. Come si fa a morire per un hijab messo male.

Si può. Mahsa non era in Italia o in Occidente. Era in Medio Oriente, in uno stato islamico e con un governo religioso. Dimentichiamoci le nostre libertà. Dimentichiamoci del mondo che conosciamo.

Come dichiarato dal padre, Amjad Amini, i medici si sono rifiutati di fargli vedere Mahsa dopo il decesso: “Stanno mentendo. Stanno dicendo bugie. Tutto è una bugia… non gli importa quanto abbia implorato, non mi hanno permesso di vedere mia figlia”, ha detto alla Bbc Persia. Amini ha anche dichiarato che quando ha visto il corpo della figlia prima del funerale era completamente avvolto tranne il viso e i piedi, su cui c’erano lividi: “Non ho idea di cosa le abbiano fatto”, ha detto. La causa ufficiale della morte sarebbe attacco cardiaco, ma Mahsa non aveva mai avuto problemi di cuore.

Lavinia Mennuni, FdI, in un tweet parla di assordante silenzio delle femministe italiane rispetto a questa morte. Certamente la rassegna stampa che le viene inviata non è fatta bene. Oppure, è l’ennesima occasione per fare politica sulla pelle delle donne. Quelle morte.

Stefania Catallo

Copyright © 2022 TheWomenSentinel.net | Tutti i diritti riservati | Riproduzione Vietata |

  • Direttore
Stefania Catallo

Stefania Catallo, romana e fondatrice del centro antiviolenza Marie Anne Erize. Si occupa di storia orale e di diritti delle donne. Giornalista e scrittrice, ha pubblicato diversi libri, l'ultimo dei quali "Evviva, Marie Anne è viva!" (2018, Universitalia), ha ricevuto il Premio Orsello nella sezione Società.

Redazione:

Emyliù Spataro

Emilio Spataro, in arte Emyliù, attore, chansonnier, fotografo, grafico. Di origine calabrese cirotana, vive a Roma. Webmaster del Magazine.

Saverio Giangregorio

Attivista ANPI e Amnesty International, femminista, si occupa anche di Jus Soli e della causa degli italiani senza cittadinanza. Segue dal primo giorno la vicenda di Giulio Regeni, di cui riporta l'amaro conteggio ogni giorno sui suoi profili social. Attivista ANPI per il senso di profondo rispetto verso coloro che ci hanno liberato da nazisti e fascisti. "Siamo una democrazia e indietro non dobbiamo tornare".

Mava Fankù

Opinionista disincantata, dotata di un notevole senso dell'umorismo e di una dialettica tagliente, Mava Fankù risponderà ai lettori del nostro magazine nella sua rubrica settimanale "La posta del cuore".  Niente sfuggirà al suo giudizio, tagliente ma mai cattivo, e a chi scriverà elargirà i suoi consigli per cuori feriti, timidi, birichini , tachicardici e brachicardici.

Lorenzo Raonel Simon Sanchez

Esperto in comunicazione, divulgatore e attivista per i diritti umani della comunità LGBTQ+

Alessio Papalini

Romano, educatore, formatore e appassionato di lettura e comunicazione

PATRIZIA MIRACCO

Psicoterapeuta e giornalista. Appassionata di arte e mamma umana di Aki, una bella cagnolina a quattro zampe di 4 anni.

error

Enjoy this blog? Please spread the word :)

error: Content is protected !!