madre eroina

TUTTA CASA E FAMIGLIA – IL PREMIO DI PUTIN ALL’UTERO FECONDO DELLE RUSSE

La considerazione di Putin per le donne passa dal famoso tavolo del 5 marzo scorso assieme alle hostess top model, con l’apoteosi della donna-trofeo, alla premiazione dell’utero fecondo delle russe.

Tra i corsi e i ricorsi storici, spicca una notizia passata apparentemente in secondo piano, che ricorda molto da vicino il passato del nostro Paese, quello che secondo alcuni candidati alle prossime elezioni ormai è morto e sepolto, ma neanche tanto.

Benito Mussolini, in un discorso tenuto a Potenza nel 1936, dichiarò: “I popoli con le culle vuote non possono conquistare un impero. Hanno diritto all’impero i popoli fecondi, quelli che hanno l’orgoglio e la volontà di propagare la loro razza sulla faccia della terra. I popoli virili nel senso più strettamente letterale”.

Parole queste che sembrano aver sortito una grande fascinazione sul presidente della Federazione Russa Putin, che ha deciso di premiare le donne che daranno alla luce almeno 10 figli, con una tantum di 1 milione di rubli, ossia 16 mila euro, concedendo ad esse il titolo di “Madre Eroina”. La decisione è stata resa nota con un decreto pubblicato sul portale ufficiale di informazioni legali, e citato dall’agenzia Tass.

Tuttavia non si tratta di una novità, ma del ripescaggio di un incentivo che era entrato in vigore nella vecchia URSS a partire dal 1944, per essere poi abolito alla sua caduta, nel 1991. Il presidente russo, con questa misura sembra fare un passo avanti nella ricostruzione della a lui cara Unione Sovietica, nella quale aveva trovato collocazione e motivazione di essere.

C’è un però: il premio verrà elargito solo al compimento del primo anno di vita del decimo figlio, e solo se gli altri nove a quella data, saranno ancora in vita.

La decisione di porre queste condizioni apre quindi diversi interrogativi: anzitutto, quali sono i dati sulla mortalità infantile in Russia? Le stime parlano di circa il 5%, un trend in decrescita se confrontato con i dati relativi agli anni precedenti. (https://www.macrotrends.net/countries/RUS/russia/infant-mortality-rate#:~:text=The%20current%20infant%20mortality%20rate%20for%20Russia%20in,1000%20live%20births%2C%20a%203.43%25%20decline%20from%202019)

Ma più in generale, qual è l’aspettativa di vita nella Federazione? I russi vivono in media 70 anni e questo, unito al calo demografico, fa sì che il Paese invecchi velocemente. In confronto all’Europa, si tratta di una cifra molto bassa, se pensiamo che i nostri settantenni sono ancora arzilli e attivi; tuttavia, bisogna tener conto dei danni provocati dal Covid nella Federazione Russa, dell’alimentazione spesso scarsa, e delle malattie che, come è successo per la pandemia, non vengono curate adeguatamente.

Quindi la ricetta di Putin è incrementare le nascite con dei premi per avere più giovani nella prossima generazione. Magari così si rimpingueranno le fila dell’esercito, che si stanno assottigliando per la guerra in Ucraina.

Auguri e figli (almeno dieci, però!).

Stefania Catallo

Copyright © 2022 TheWomenSentinel.net | Tutti i diritti riservati | Riproduzione Vietata |

  • Direttore
Stefania Catallo

Stefania Catallo, romana e fondatrice del centro antiviolenza Marie Anne Erize. Si occupa di storia orale e di diritti delle donne. Giornalista e scrittrice, ha pubblicato diversi libri, l'ultimo dei quali "Evviva, Marie Anne è viva!" (2018, Universitalia), ha ricevuto il Premio Orsello nella sezione Società.

Redazione:

Emyliù Spataro

Emilio Spataro, in arte Emyliù, attore, chansonnier, fotografo, grafico. Di origine calabrese cirotana, vive a Roma. Webmaster del Magazine.

Saverio Giangregorio

Attivista ANPI e Amnesty International, femminista, si occupa anche di Jus Soli e della causa degli italiani senza cittadinanza. Segue dal primo giorno la vicenda di Giulio Regeni, di cui riporta l'amaro conteggio ogni giorno sui suoi profili social. Attivista ANPI per il senso di profondo rispetto verso coloro che ci hanno liberato da nazisti e fascisti. "Siamo una democrazia e indietro non dobbiamo tornare".

Mava Fankù

Opinionista disincantata, dotata di un notevole senso dell'umorismo e di una dialettica tagliente, Mava Fankù risponderà ai lettori del nostro magazine nella sua rubrica settimanale "La posta del cuore".  Niente sfuggirà al suo giudizio, tagliente ma mai cattivo, e a chi scriverà elargirà i suoi consigli per cuori feriti, timidi, birichini , tachicardici e brachicardici.

Lorenzo Raonel Simon Sanchez

Esperto in comunicazione, divulgatore e attivista per i diritti umani della comunità LGBTQ+

Alessio Papalini

Romano, educatore, formatore e appassionato di lettura e comunicazione

PATRIZIA MIRACCO

Psicoterapeuta e giornalista. Appassionata di arte e mamma umana di Aki, una bella cagnolina a quattro zampe di 4 anni.

error

Enjoy this blog? Please spread the word :)

error: Content is protected !!