LORENZO SANCHEZ

DEVIANZA – LORENZO SANCHEZ – GEOGRAFIE DELL’IDENTITA’

La posso anche scrivere da sola, questa parola – ma da sola essa non sarà mai. Come serpi sotto una pietra, sotto di essa troviamo ideali e concetti, propagande e retoriche. La devianza non può esistere se non in presenza di una norma, di un destino, di qualcosa che-non-dovrebbe-essere-così-come-è.

La deviazione è ciò in cui incorriamo quando il nostro tragitto viene interrotto, un angolo laddove sarebbe dovuta essere una linea. Nello scrivere questa parola, Giorgia Meloni (e Fratelli d’Italia) ha tracciato tale linea. Un perimetro fatto di punti, entro i quali racchiudere – e descrivere – i corpi e le menti dell’Italia desiderata.

Lorenzo Raonel Simon Sanchez

Diciamolo: l’idea del rigore nel corpo e nella mente è un’idea vecchia e pure fascista. Fascista non solo per storia, ma anche per necessità. Per simbiosi. Lo stato-nazione, così come concepito nel suo significato più originale – quell’illusione di un passato condiviso e di un destino comune, di un sangue unico che si rende muscolo e poi braccio, ed ancora forza – nella sua spasmodica ricerca di unicità, di Senso, di totale supremazia, nasce e muore sui nostri corpi e nei nostri comportamenti. 

Il corpo non è solo un corpo – esso è un simbolo. Esso è il primo bastione in carne viva della fortezza nazionale. Il corpo maschile, inteso come virilità pura, come potenziale arma, come ideale di forza, integrità, impero; il corpo femminile, egualmente forte ma subordinato – giacché in esso, ci dicono, la nazione si riproduce.  Lo stato-nazione non può esistere se non nel binarismo dei corpi e dei generi; ne deriva che l’integrità dei corpi e delle menti, nonché la tutela del genere binario, sono una questione esistenziale per l’idea di nazione: il potere, ora armato, ora intellettuale dell’uomo si contrappone al potere biologico della donna.

Il corpo grasso, e ciò che esso per loro rappresenta – indolenza, pigrizia, debolezza – è nemico della nazione. Il corpo anoressico è nemico della nazione. Gli alcolisti e i ludopatici, coloro che si drogano, fumano o si feriscono, attentano al corpo – e dunque alla nazione. I comportamenti isolanti o evitanti, la ludopatia, sono nemici della nazione, sicchè essi denotano una debolezza inaccettabile nella mente e, verosimilmente, una corruzione nel corpo.

Ma quanto è orribile tutto questo? Quante cazzate. Quanti modi inutili di auto-infliggersi violenza e scambiarla per cultura. A questo ideale di mondo dobbiamo rispondere con un secco e deciso: no. No, no grazie, come se avessi accettato e tanti cari saluti.

Lorenzo Raonel Simon Sanchez


C’è una buona notizia: se lo stato-nazione fascista può vincere sui nostri corpi, su essi può anche perdere. Non certo a botte di “viva le devianze” scritti senza comprensione e con fare, diciamolo, un po’ paternalistico. Non sarà la mano dorata del patriarca a portare la pace sui nostri corpi – ma l’accettazione del nostro potere innato, della sovversività a noi concessa per natura e per elezione. La sovversività insita nel guardarsi allo specchio e accettare ciò che in noi è “”deviante””. La sovversività ribelle nei corpi androgini, in quelli queer, in quelli transgenere – nei corpi liberi. La rivoluzione che esiste nell’accettare i traumi individuali e collettivi, nel rinnegare la violenza a noi proposta, nel non nascondere le difficoltà, le vulnerabilità, le patologie e i modi in cui esse si intersecano con le gerarchie di dominio e oppressione che ci circondano, con gli spazi che abitiamo, con gli ambienti in cui viviamo.

Non dobbiamo ingannare noi stessi pensando che lo scambio tra Giorgia Meloni e Enrico Letta (e compagini varie) sia solo su fisicità e comportamenti. È una distrazione – in realtà si parla di potere, ovvero della capacità di far diventare un’unica prospettiva quella dominante, e di controllo – ovvero del modo in cui tutelare il potere. Ancora non sanno, poveretti, di essersi imbarcati in una battaglia dalla quale, presto o tardi, usciranno perdenti. Presto o tardi eserciteremo collettivamente le sovranità dei nostri corpi, e sarà pace. Almeno per un po’.

Sanchez – Warhol

Copyright © 2022 TheWomenSentinel.net | Tutti i diritti riservati | Riproduzione Vietata |

GEOGRAFIE DELL’IDENTITA’ di LORENZO SANCHEZ

L’identità è una dichiarazione di guerra

Riflessioni scritte a Giugno, ma sempre attuali.

A inizio anno ho scritto una lista di «buoni e cattivi propositi». A rivederli oggi mi sento un completo idiota: per la massima parte non sono riuscito a rispettarli. Mi ripromettevo di essere più coraggioso, più autentico, di non identificarmi mai con nulla che non fosse il momento presente. E invece, tanto per cambiare, ho fatto un sacco di cazzate. Ho detto cose piuttosto spiacevoli ad alcune persone che amavo, e ne ho ricevute in cambio di altrettanto spiacevoli; non mi sono comportato sempre come avrei voluto; sono rimasto invorticato in una serie di paranoie, pensieri negativi, momenti di fragilità. Scriverlo mi costa, così come costa a chiunque ammettere di essere, in fin dei conti, meno forti di quel che si pensava.

Almeno per me, questi eventi vengono sempre associati a un inestinguibile senso di colpa. Mi chiedo perché non riesco a essere migliore? Perché non ho agito diversamente? Perché proprio io?

Questa domanda del «perché proprio io?» mi ha accompagnato per un lungo periodo della mia vita. Mi sono sorpreso a ritrovarmela in testa così, come una vecchia amica che non era mai andata davvero via. Me la sono posta per la prima volta una quindicina di anni fa, quando mi sono accorto che quel che provavo per i ragazzi non era necessariamente ciò che i ragazzi provavano per i propri amici. It’s Britney bitch – ma non ero Britney, ero solo gay. E non riuscivo a smettere di chiedermi perché fosse «capitato» proprio a me di non essere eterosessuale.

Lorenzo Raonel Simon Sanchez

Mi chiedo: quante persone si chiedono perché gli sia «capitato» di essere in un certo modo? In quante, a un certo punto, hanno pensato alla vita come a una sorta di lotteria? Una lotteria in cui se ti va bene nasci maschio, bianco, etero, cisgender, possibilmente borghese e possibilmente in una parte del mondo dove la qualità di vita (e il privilegio associato) sia elevata. Una lotteria in cui, al contrario, è possibile perdere – e perdere anche abbastanza male, mettiamola così.

Quando la perdi, questa benedetta lotteria, non c’è modo di scordarselo, visto che ti viene ricordato in continuazione. A me viene ricordato di continuo di essere stravagante, estroso, anticonformista – che poi sono spesso eufemismi per dire che sono omosessuale; mi viene ricordato di continuo di essere grasso, di essere nato in un paese diverso. A molte donne (se non tutte) viene ricordato di continuo di essere donne. La stessa cosa per le persone transessuali, per quelle disabili o neurodivergenti, per chiunque sia un immigrato, e così via. Le nostre identità «perdenti» diventano insulti, giacché non c’è nulla di più spregevole per un privilegiato che essere accostato a noialtre.

Checca. Femminuccia. Maiale. Ritard@to. N@gro. Travello. Poveraccio. Bipolare. Terrone. Immigrato.

Per alcuni recenti avvenimenti, mi sono trovato a confrontarmi con diverse persone sugli appellativi che ti vengono affibbiati – su quelle etichette che ti restano incollate addosso. Quelle narrative che sfuggono completamente al tuo controllo. Penso a tutte le mie amiche che venivano trattate come se fossero la madonna, e che poi sono state scaricate con i peggiori appellativi. Penso a me stesso, e a tutti quei lati del mio carattere che vengono elogiati finché non diventano scomodi, indesiderati, inaccettabili.

La reazione istintiva, almeno la mia, è sempre quella di cercare di riscattarmi dalle etichette. Di dimostrare che no, non sono un omosessuale stravagante, estroso, impulsivo, mezzo depresso e mezzo arrabbiato. Dimostrare che sono egualmente capace e rispettabile e che ho una tenuta morale pari a quella di chi usa la mia identità contro di me.

Mi trovo a scrivere queste righe sconclusionate sul finire di Giugno, il Pride month. E l’orgoglio non ha nulla a che vedere con quanto siamo belli. L’orgoglio non ha niente a che vedere con quanto siamo accettabili, sani, posati. Il Pride (e i diritti che vengono celebrati contestualmente) esiste grazie a Sylvia Rivera, a Stormè DeLarverie, a un mucchio di drag queen, transessuali, prostitute, persone con disagi psichici, tossici, omosessuali che hanno detto basta. Basta con la violenza, basta con la lotteria. Hanno reclamato i propri corpi, le proprie sessualità, la propria storia, e hanno detto che andava bene. Hanno detto che c’era da esserne orgogliose.

Ed è da qui che voglio ripartire. Dall’identità. E credo che sia dall’identità che dovremmo ripartire insieme.

In questo mese di Giugno, nel mese in cui tutti dovremmo trovarci per celebrarci e sostenerci a vicenda, mi è stato detto un numero imbarazzante di volte che io sono o non sono qualcosa, che il mio «bene» è (o non è) qualcosa scelto da altri. Damn it. Damn ‘em.

In questo mese di giugno, ho risposto nel modo peggiore in cui potevo: cercando di affrancarmi da me stesso. Scusandomi non solo quando avrei dovuto, ma anche quando non avrei dovuto neanche pormi il problema.

Queste righe le scrivo per me stesso, ma anche per chiunque si trovi ad attraversare un periodo come il mio: ora basta. Io sono quel che sono, senza ulteriori spiegazioni. Potrei essere anche la feccia dell’umanità, per quel che vi riguarda, e questo non mi leverebbe un’oncia di amore. Non significherebbe nulla.

Sono stufo della retorica per cui chiunque non rientri nel canone stabilito dal sessismo eteropatriarcale è accettabile solo se prova ad adeguarsi. Sono stufo della retorica sull’amore fine a sé stessa. Siamo stufe. Saremo stufe.

Le nostre identità non sono «perdenti». Sono una minaccia. E non dovremmo farci problemi a usarle come armi. Armate fino ai denti delle nostre ferite, dei nostri disagi, delle nostre differenze, dei nostri sogni e ambizioni, del veleno che abbiamo buttato giù. Non ce ne deve fregare un cazzo. Non c’è porta che possa resistere, non c’è morale che tenga, non c’è ostacolo. Inizieremo e continueremo a sederci in tutti gli spazi, a prenderci i posti che ci spettano, con i nostri corpi e le nostre teste.

Checche. Femminucce. Maiali. Ritard@ti. N@gre. Travelli. Poveraccie. Bipolari. Terroni. Immigrate.

Stiamo arrivando.

Orgoglio significa urlare al mondo che stiamo arrivando.

L’identità è una dichiarazione di guerra.

Copyright © 2022 TheWomenSentinel.net | Tutti i diritti riservati | Riproduzione Vietata |

  • Direttore
Stefania Catallo

Stefania Catallo, romana e fondatrice del centro antiviolenza Marie Anne Erize. Si occupa di storia orale e di diritti delle donne. Giornalista e scrittrice, ha pubblicato diversi libri, l'ultimo dei quali "Evviva, Marie Anne è viva!" (2018, Universitalia), ha ricevuto il Premio Orsello nella sezione Società.

Redazione:

Emyliù Spataro

Emilio Spataro, in arte Emyliù, attore, chansonnier, fotografo, grafico. Di origine calabrese cirotana, vive a Roma. Webmaster del Magazine.

Saverio Giangregorio

Attivista ANPI e Amnesty International, femminista, si occupa anche di Jus Soli e della causa degli italiani senza cittadinanza. Segue dal primo giorno la vicenda di Giulio Regeni, di cui riporta l'amaro conteggio ogni giorno sui suoi profili social. Attivista ANPI per il senso di profondo rispetto verso coloro che ci hanno liberato da nazisti e fascisti. "Siamo una democrazia e indietro non dobbiamo tornare".

Mava Fankù

Opinionista disincantata, dotata di un notevole senso dell'umorismo e di una dialettica tagliente, Mava Fankù risponderà ai lettori del nostro magazine nella sua rubrica settimanale "La posta del cuore".  Niente sfuggirà al suo giudizio, tagliente ma mai cattivo, e a chi scriverà elargirà i suoi consigli per cuori feriti, timidi, birichini , tachicardici e brachicardici.

Lorenzo Raonel Simon Sanchez

Esperto in comunicazione, divulgatore e attivista per i diritti umani della comunità LGBTQ+

Alessio Papalini

Romano, educatore, formatore e appassionato di lettura e comunicazione

PATRIZIA MIRACCO

Psicoterapeuta e giornalista. Appassionata di arte e mamma umana di Aki, una bella cagnolina a quattro zampe di 4 anni.

error

Enjoy this blog? Please spread the word :)

error: Content is protected !!