FIRENZE 2023

“LE SORELLE FATALI(TA’)” – STORIA DI UN VIAGGIO LUNARE CON SPETTACOLO @ Emyliù con Vita e Jasmine

Video estratto dello spettacolo e podcast con la voce di Emyliù ♡

Non è stato facile stanare Emyliù dal suo rifugio lunare, ma Vita e Jasmine erano le uniche terrestri ad avere le coordinate extrasensoriali per localizzare la sua navicella sul lato oscuro della Luna, dove nessun umano aveva mai piantato bandierine, tantomeno rainbow.

La seconda edizione della QUEER WEEK per l’Estate Fiorentina prevedeva un talk show pomeridiano, al quale le tre performer erano state invitate dal direttore artistico Valerio Bellini; e dopo una serie di videoconferenze, quel salottino di tricoteuses si trasformò in un vero e proprio spettacolo in prima serata, con tanto di racconti, canzoni e proiezioni che mostreremo qui nei momenti salienti.

Tre persone non conformi che si ritrovano dopo tre lustri per raccontare al pubblico i loro percorsi paralleli, vissuti singolarmente in sociale solitudine.

Certo, Vita e Jasmine, conosciute durante i famigerati Traduni del Tra-Tra – Transgenderismo e Travestitismo (storico gruppo di socializzazione su Yahoo) erano già all’epoca più social e attiviste Lgbt (negli anni 10 il Q+ ancora non c’era nella sigla), mentre Emyliù già allora andava ai Tra-duni del Tra-Tra per cantare come una chanteuse d’altri tempi in fantastiche feste di Capodanno a Torino o Desenzano del Garda.

Se si pensa che durante un lungo viaggio di ritorno in macchina da Torino a Firenze (città di Jasmine e Vita), Emyliù, che poi proseguì per la sua Roma, tra vicendevoli racconti di vita, espresse il desiderio di realizzare qualcosa di artistico insieme, il loro ritrovarsi nel 2023 – 23, come in una apocalittica chanson di Dalida, il 23 di Giugno, appare davvero fatale e con un pizzico di metempsicosi.

E così, sotto un metafisico tendone a strisce bianche e rosse in quel punto di verde pittorico della campagna toscana, “Le tre sorelle fatali(tà)” come in un arazzo bucolico rupestre si avvicendano su un grande palcoscenico del Lumen, posto meraviglioso che ricorda le oniriche scampagnate di pasquetta dell’infanzia.

Ma la cosa più bella sono state le persone coinvolte, che hanno reso possibile il miracoloso ritorno di Emyliù sulle scene, nelle classiche vesti da cantora e narratrice, insieme alle sorelle fatali: l’empatica Vita Palamanca, che oltre a raccontarsi ha condotto con brio la serata, e Jasmine Piattelli, che si è narrata con una voce profonda e vellutata.

E nel finale catartico, quando avviene l’unione quasi carnale con il pubblico, attraverso quella buona manciata di secondi di applausi che ripagano, lasciando allentare tutto, dopo il panico da palcoscenico e il concedersi completamente anima e corpo, ritrovandosi con il microfono in mano, dice la verità:

Vi ringrazio con tutto il cuore Vita e Jasmine, perchè se non mi aveste chiamata sarei rimasta come in un sogno lunare che va/ sto navigando senza gravità/ vedo la Terra azzurra lassù/ di una struggente bellezza da qui/ ma com’è bella se vista così/ la la la la la la la la la la”.

Emyliù Spataro

Copyright@2003TheWomen’Sentinel – Diritti Riservati – Riproduzione Vietata

  • Registrazione Tribunale di Roma n.133/22 del 8/11/22

Direttore Stefania Catallo

Stefania Catallo, romana e fondatrice del centro antiviolenza Marie Anne Erize. Si occupa di storia orale e di diritti delle donne. Giornalista e scrittrice, ha pubblicato diversi libri, l'ultimo dei quali "Evviva, Marie Anne è viva!" (2018, Universitalia), ha ricevuto il Premio Orsello nella sezione Società.

Redazione:

EMYLIU' SPATARO

Emilio Spataro, in arte Emyliù, attore, chansonnier, fotografo, grafico. Di origine calabrese cirotana, vive a Roma. Opinionista e Web Master del Magazine.

MAVA FANKU'

Opinionista disincantata, dotata di un notevole senso dell'umorismo e di una dialettica tagliente, Mava Fankù cura attualmente due rubriche, La Pillola Politica e I Pensierini di Mava, elzeviri su temi vari che ispirano la nostra signorina agèe, da poco anche in video, oltre che in podcast, oltre che in scrittura.

ALESSIO PAPALINI

Romano, educatore, formatore e appassionato di lettura e comunicazione. Attore del Teatro Studio Jankowski di Roma

PATRIZIA MIRACCO

Psicoterapeuta e giornalista. Appassionata di arte e mamma umana di Aki, una bella cagnolina a quattro zampe di 4 anni.

VENIO SCOCCINI

Diplomato all'Istituto Alberghiero Michelangelo Buonarroti di Fiuggi (FR) - Dopo una lunga esperienza in Italia, e all'estero come chef per personaggi di rilievo, sia in casa che su yacht, nel 2013 si è trasferito a Londra, dove ha appreso nozioni di cucina multietnica continuando a lavorare come chef privato.

ROSELLA MUCCI

Ho sperimentato il palco cimentandomi in progetti di Teatro Sociale tra il 2012 e il 2015 con testi sulla Shoa, sul femminicidio, sulla guerra. Il mio percorso teatrale è poi proseguito in autonomia quando ho sentito il desiderio di portare in scena testi scritti proprio da me.Tutti i miei scritti per scelta hanno

error

Enjoy this blog? Please spread the word :)