23 Febbraio 2024

Estero

COME VEDONO L’ITALIA DALL’ESTERO? MISSION IMPOSSIBLE! @ La Pillola Politica di Mava Fankù

All’estero sembra che non sappiano scegliere se ridere o piangere, quando sentono parlare della situazione politica italiana. Non che le cose dalle loro parti siano molto diverse: pensiamo ad esempio, agli scandali che hanno travolto ultimamente Boris Johnson con i suoi lockdown parties. Tuttavia, a partire dalla morte di Berlusconi con funerali di Stato e lutto nazionale, fino al governo delle destre di Giorgia Meloni e Matteo Salvini, sembra che il nostro Paese sia diventato una sorta di circo mediatico di cui sparlare per distrarsi da problemi più seri.

Elly Schlein in un comizio

Anche se l’opinione europea e anche, perché no, mondiale è confusa dalla politica italiana, c’è chi guarda ad Elly Schlein con ammirazione, della cui passione per l’armocromia si è fatta un’arma di distrazione di massa. La sua voce forte e decisa e le sue scelte politiche hanno fatto molta impressione sui media internazionali, facendo sì che l’Italia continui ad essere un Paese molto interessante per gli osservatori esterni.

Nonostante tutte le difficoltà, il nostro Paese rimane affascinante per gli stranieri. La nostra storia, la cultura, la moda, la cucina: sono solo alcune delle cose che attirano l’attenzione del mondo intero. Anche se per la politica siamo considerati un Paese folcloristico, da raffigurare con facili vignette di triti stereotipi dove si mescola la pizza al bel canto, e la mafia al mandolino.

Un bacio per Silvio

Quindi, forse dovremmo prendere tutto con un pizzico di leggerezza.

Certo, la politica italiana dall’interno può essere frustrante, imbarazzante e sciagurata a volte, ma dobbiamo anche ammettere che ci offre un assortimento di contraddizioni e spunti satirici senza eguali. Quindi, invece di arrabbiarsi o preoccuparsi troppo, forse dovremmo sederci e goderci lo spettacolo.

La presidente del Consiglio Meloni e Tom Cruise durante la visita a Roma

E nella priorità dei problemi che ci affliggono è curioso vedere Meloni che riceve Tom Cruise, impegnato a Roma per le riprese dell’ennesimo episodio del suo cavallo di battaglia. “Le ‘mission impossible’ sono anche il nostro pane quotidiano al governo“. È il messaggio, accompagnato dall’emoticon di un sorriso, pubblicato dalla presidente del Consiglio Giorgia Meloni, con una foto assieme alla stella di Hollywood, ricevuto a Palazzo Chigi lunedì scorso.

Italia Mission Impossible?

Mava Fankù

Copyright @2023TheWomen’Sentinel – Diritti Riservati – Riproduzione Vietata

  • Registrazione Tribunale di Roma n.133/22 del 8/11/22

Direttore Stefania Catallo

Stefania Catallo, romana e fondatrice del centro antiviolenza Marie Anne Erize. Si occupa di storia orale e di diritti delle donne. Giornalista e scrittrice, ha pubblicato diversi libri, l'ultimo dei quali "Evviva, Marie Anne è viva!" (2018, Universitalia), ha ricevuto il Premio Orsello nella sezione Società.

Redazione:

EMYLIU' SPATARO

Emilio Spataro, in arte Emyliù, attore, chansonnier, fotografo, grafico. Di origine calabrese cirotana, vive a Roma. Opinionista e Web Master del Magazine.

MAVA FANKU'

Opinionista disincantata, dotata di un notevole senso dell'umorismo e di una dialettica tagliente, Mava Fankù cura attualmente due rubriche, La Pillola Politica e I Pensierini di Mava, elzeviri su temi vari che ispirano la nostra signorina agèe, da poco anche in video, oltre che in podcast, oltre che in scrittura.

ALESSIO PAPALINI

Romano, educatore, formatore e appassionato di lettura e comunicazione. Attore del Teatro Studio Jankowski di Roma

PATRIZIA MIRACCO

Psicoterapeuta e giornalista. Appassionata di arte e mamma umana di Aki, una bella cagnolina a quattro zampe di 4 anni.

VENIO SCOCCINI

Diplomato all'Istituto Alberghiero Michelangelo Buonarroti di Fiuggi (FR) - Dopo una lunga esperienza in Italia, e all'estero come chef per personaggi di rilievo, sia in casa che su yacht, nel 2013 si è trasferito a Londra, dove ha appreso nozioni di cucina multietnica continuando a lavorare come chef privato.

ROSELLA MUCCI

Ho sperimentato il palco cimentandomi in progetti di Teatro Sociale tra il 2012 e il 2015 con testi sulla Shoa, sul femminicidio, sulla guerra. Il mio percorso teatrale è poi proseguito in autonomia quando ho sentito il desiderio di portare in scena testi scritti proprio da me.Tutti i miei scritti per scelta hanno

error

Enjoy this blog? Please spread the word :)