elezioni politiche 2022

LE PILLOLE POLITICHE di MAVA FANKU’ 2

Ascolta dalla voce di Mava

Sottofondo musicale: Balocchi e Profumi di E.A.Mario 1928

Sta proprio incombendo il momento fatidico. Tra qualche giorno sapremo se potremo continuare a sperare in un Paese democratico e libero, seppur alLETTAto cerebralmente, in cui però non avverrà alcuna regressione oscurantista, oppure se – per esempio – dovremo aspettarci l’attuazione di provvedimenti di legge che vietino la prevalenza della musica straniera sulle Radio, diffondendo almeno un ottanta per cento di musica nazionalista…

Perchè questo è stato capace di enunciare il SALUME prima di abdicare nella passata legislatura, quando era in coppia con le Stelline Cadenti.

E la MELONA “quella con occhi di fuori come pesce da freezer” (frase che pronunciò una governante georgiana quando la vide per la prima volta alla Tv italiana) sarebbe stata capace di far meglio il peggio del suo partner da tagliere.

Prima Mia e poi Vostra Mava Fankù

Copyright © 2022 TheWomenSentinel.net | Tutti i diritti riservati | Riproduzione Vietata |

ELEZIONI POLITICHE 2022: E I DISABILI? INCONTRO CON LAURA COCCIA (PD)

Essere disabile comporta una serie di grandi difficoltà che non riguardano solo la sfera lavorativa, ma anche la famiglia, la genitorialità, la mobilità. A sei settimane dalle elezioni quali sono le proposte sul tavolo degli elettori?

Nell’incessante susseguirsi di dichiarazioni e proposte da parte dei vari partiti – non dimentichiamoci che le elezioni del nuovo governo ci saranno il 25 settembre, cioè tra poche settimane –, non sembra esserci ancora nulla di rilevante riguardo alle politiche sulla disabilità.

La coalizione di centrodestra, ha elaborato un solo punto programmatico, inserendolo nell’ambito delle politiche del lavoro, che recita così: “Controllo sull’effettiva applicazione degli incentivi all’inserimento dei disabili nel mondo del lavoro” (https://www.money.it/programma-elettorale-centrodestra-elezioni-politiche-2022).

Il PD, nella sezione di programma chiamata “Avanti sui diritti civili”, dichiara genericamente di volersi impegnare a contrastare le disuguaglianze, facendo riferimento alle politiche di genere e al DDL Zan, ma senza particolari riferimenti alle disabilità (https://www.partitodemocratico.it/partito/vincono-le-idee/).

Il Movimento 5 Stelle invece, pare essere più preciso e orientato all’inclusione sociale dei diversamente abili; resta da vedere però se la creazione del Terzo Polo vedrà tutte le parti d’accordo su questo punto.

Tuttavia rimane però basilare comprendere come vive una persona con disabilità, e quali e quante difficoltà comporti esserlo.

Difficoltà che non riguardano solo la vita del singolo individuo, ma anche quella del suo nucleo familiare e della comunità, con ripercussioni anche gravi. Basta pensare a cosa significa per un disabile non poter usufruire dell’ascensore e quindi dover essere costretto in casa: guasto che accade spessissimo negli immobili di edilizia popolare. Oppure, dover affrontare il percorso a ostacoli delle strade, dei luoghi pubblici o delle stazioni della metropolitana dove i saliscendi per le carrozzine raramente sono funzionanti. Le disabilità psichiche poi, necessitano di fondi e programmi precisi e specifici, spesso insufficienti, per non gravarne il peso sulla famiglia.

Pensiamo poi al “dopo di noi”, ossia alla preoccupazione dei familiari più stretti della persona disabile, che devono organizzarsi per tempo affinché il loro caro possa godere delle cure necessarie quando loro non saranno più in vita. O al sacrificio richiesto quando la cura del disabile è a carico di un familiare, che se ne deve occupare 24 ore al giorno.

E di tutto questo pare non ci sia traccia nei programmi elettorali 2022.

LAURA COCCIA – DEPUTATO PD

Laura Coccia, ex deputata PD nella scorsa legislatura, ha le idee molto chiare in proposito. Già atleta paraolimpica, storica e attivista per le disabilità e le donne, è mamma di un vivace maschietto di tre anni. La sua maternità è stata un percorso a ostacoli, sia per le patologie pregresse sia per le difficoltà oggettive che ha incontrato come portatrice di handicap. L’abbiamo incontrata per avere la sua opinione sui programmi elettorali che riguardano le disabilità, e sull’effettiva possibilità che poi essi diventino realtà. Con la sua consueta concretezza, ha tracciato un quadro molto preciso di quella che è la situazione effettiva in Italia.

Laura Coccia, il 25 settembre ci saranno le elezioni politiche. Qual è il suo punto di vista sul panorama attuale, con riferimento ai vari programmi elettorali?

“Il momento politico mi preoccupa molto, sia dal punto di vista nazionale che internazionale, e riferendomi al secondo, le ultime dichiarazioni filo ucraine e la moderazione di Meloni non mi convincono. Contano le azioni e gli atti degli ultimi anni; i legami con le posizioni estremiste di Orban in Ungheria e di Vox in Spagna valgono più delle dichiarazioni di intenti. Il centrosinistra sta tentando di unirsi il più possibile per offrire un’alternativa forte e credibile. Alla fine decideranno gli italiani; dal canto mio, sto con i progressisti e per quanto possibile sono disponibile a dare una mano”.

Secondo lei cosa andrebbe integrato in questi programmi?

“I programmi sono un riassunto di progetti e idee, poi bisogna trovare soldi e volontà di trasformarli in realtà. Mi piacerebbe un fondo nazionale strutturale per l’abbattimento delle barriere architettoniche, con sussidi anche per le strutture ancora esenti e un’attenzione ai luoghi di socialità, oltre ad un aiuto nazionale per il rafforzamento dei consultori familiari e delle reti territoriali”.

Parliamo di disabilità. Come cittadina, quali richieste vorrebbe fare alla politica?

“Oltre al piano di cui parlavo prima ,vorrei un’attenzione ai giovani e alle donne con disabilità, attraverso programmi specifici di accompagnamento e inserimento lavorativo, e progetti che aiutino le famiglie nel “durante noi”, oltre ovviamente alla tutela piena dei caregiver familiari”.

Quali sono le difficoltà maggiori che ha incontrato in Italia, dal suo punto di vista?

“Scardinare i doppi pregiudizi che circondano le donne con disabilità, che se poi diventano madri, diventano tripli”.

Prevede un suo ritorno in politica?

“Se posso dare una mano, non mi tiro indietro”.

Speriamo quindi di veder mettere nero su bianco proposte concrete, fattibili e progettuali da parte dei vari schieramenti, altrimenti si tratterebbe di una gravissima, e forse cronica, mancanza di attenzione ai temi sociali più sensibili.

@thewomensentinel.net 2022 – diritti riservati – riproduzione vietata

  • Direttore
Stefania Catallo

Stefania Catallo, romana e fondatrice del centro antiviolenza Marie Anne Erize. Si occupa di storia orale e di diritti delle donne. Giornalista e scrittrice, ha pubblicato diversi libri, l'ultimo dei quali "Evviva, Marie Anne è viva!" (2018, Universitalia), ha ricevuto il Premio Orsello nella sezione Società.

Redazione:

Emyliù Spataro

Emilio Spataro, in arte Emyliù, attore, chansonnier, fotografo, grafico. Di origine calabrese cirotana, vive a Roma. Webmaster del Magazine.

Saverio Giangregorio

Attivista ANPI e Amnesty International, femminista, si occupa anche di Jus Soli e della causa degli italiani senza cittadinanza. Segue dal primo giorno la vicenda di Giulio Regeni, di cui riporta l'amaro conteggio ogni giorno sui suoi profili social. Attivista ANPI per il senso di profondo rispetto verso coloro che ci hanno liberato da nazisti e fascisti. "Siamo una democrazia e indietro non dobbiamo tornare".

Mava Fankù

Opinionista disincantata, dotata di un notevole senso dell'umorismo e di una dialettica tagliente, Mava Fankù risponderà ai lettori del nostro magazine nella sua rubrica settimanale "La posta del cuore".  Niente sfuggirà al suo giudizio, tagliente ma mai cattivo, e a chi scriverà elargirà i suoi consigli per cuori feriti, timidi, birichini , tachicardici e brachicardici.

Lorenzo Raonel Simon Sanchez

Esperto in comunicazione, divulgatore e attivista per i diritti umani della comunità LGBTQ+

Alessio Papalini

Romano, educatore, formatore e appassionato di lettura e comunicazione

PATRIZIA MIRACCO

Psicoterapeuta e giornalista. Appassionata di arte e mamma umana di Aki, una bella cagnolina a quattro zampe di 4 anni.

error

Enjoy this blog? Please spread the word :)

error: Content is protected !!