arabia saudita

LA STORIA DI SALMA AL SHEBAB – CONDANNATA A 34 ANNI DI CARCERE PER UN TWEET

Siamo nel 2022, eppure esistono ancora Paesi nei quali sembra di vivere in pieno Medioevo. L’Arabia Saudita non è un luogo inclusivo per le donne, e con la condanna a 34 anni di Salma al Shebab per un tweet, sembra essere la conferma di un clima altamente repressivo e controllante.

Salma al Shebab è stata condannata a 34 anni di carcere più altri 34 di divieto di viaggio, per aver aperto un account Twitter ma ancor di più, per aver ritwittato e seguito attivisti per i diritti umani e dissidenti verso l’Arabia Saudita.

Al Shebab (che ha 34 anni, e quindi è stata condannata a due volte tanto la sua età attuale), madre di due figli e studentessa all’Università di Leeds, era rientrata in Arabia Saudita per una vacanza, dove venne arrestata il 15 gennaio 2021, subendo 285 giorni di interrogatorio. La condanna, inizialmente di tre anni, per “aver utilizzato Internet per provocare disordini pubblici e destabilizzare la sicurezza civile e nazionale”, come spiegato nella sentenza, si è vista oltre che decuplicata in appello. Il tribunale speciale saudita per i terroristi, ha comminato la pena con questa motivazione, come riportato dal Guardian, che ne ha potuto visionare la traduzione: “Salma al Shebab avrebbe aiutato coloro che cercano di causare disordini pubblici e destabilizzare la sicurezza civile e nazionale seguendo i loro account Twitter e ritwittando i loro tweet”.

Ovviamente la vicenda ha avuto una grossa eco all’estero e soprattutto in Gran Bretagna, dove si trovano molti dissidenti. Questo accade subito dopo la visita in Arabia Saudita del presidente USA Biden, e la vicenda sembra avvalorare le tesi sull’ulteriore giro di vite ai diritti umani e alla comunicazione via Twitter da parte del principe Mohammed Bin Salman, piattaforma social della quale ha una partecipazione indiretta tramite il fondo sovrano saudita, il PIF (Public Investment Fund).

Altro che Rinascimento saudita, come decantato da un noto politico italiano: qui sembra di essere in una vera e propria repressione, incipriata coi petrodollari e le città vetrina sul Golfo Persico.

Copyright © 2022 TheWomenSentinel.net | Tutti i diritti riservati | Riproduzione Vietata | 

  • Direttore
Stefania Catallo

Stefania Catallo, romana e fondatrice del centro antiviolenza Marie Anne Erize. Si occupa di storia orale e di diritti delle donne. Giornalista e scrittrice, ha pubblicato diversi libri, l'ultimo dei quali "Evviva, Marie Anne è viva!" (2018, Universitalia), ha ricevuto il Premio Orsello nella sezione Società.

Redazione:

Emyliù Spataro

Emilio Spataro, in arte Emyliù, attore, chansonnier, fotografo, grafico. Di origine calabrese cirotana, vive a Roma. Webmaster del Magazine.

Saverio Giangregorio

Attivista ANPI e Amnesty International, femminista, si occupa anche di Jus Soli e della causa degli italiani senza cittadinanza. Segue dal primo giorno la vicenda di Giulio Regeni, di cui riporta l'amaro conteggio ogni giorno sui suoi profili social. Attivista ANPI per il senso di profondo rispetto verso coloro che ci hanno liberato da nazisti e fascisti. "Siamo una democrazia e indietro non dobbiamo tornare".

Mava Fankù

Opinionista disincantata, dotata di un notevole senso dell'umorismo e di una dialettica tagliente, Mava Fankù risponderà ai lettori del nostro magazine nella sua rubrica settimanale "La posta del cuore".  Niente sfuggirà al suo giudizio, tagliente ma mai cattivo, e a chi scriverà elargirà i suoi consigli per cuori feriti, timidi, birichini , tachicardici e brachicardici.

Lorenzo Raonel Simon Sanchez

Esperto in comunicazione, divulgatore e attivista per i diritti umani della comunità LGBTQ+

Alessio Papalini

Romano, educatore, formatore e appassionato di lettura e comunicazione

PATRIZIA MIRACCO

Psicoterapeuta e giornalista. Appassionata di arte e mamma umana di Aki, una bella cagnolina a quattro zampe di 4 anni.

error

Enjoy this blog? Please spread the word :)

error: Content is protected !!