3 Marzo 2024

Ana Obregon

ANA OBREGON MAMMA A 68 ANNI DI SUA NIPOTE

Se la morte di un figlio è il più grande terrore di ogni genitore, l’attrice spagnola Ana Obregon sembra averla superata grazie alla nascita di una bambina, Ana Sandra, che è contemporaneamente sua figlia e sua nipote.

Ti ho giurato che ti avrei salvato dal cancro e ti ho deluso. Ti ho promesso che avrei messo al mondo tua figlia e ora ce l’ho tra le braccia. Quando la abbraccio, provo un’emozione indescrivibile, perché è come se ti stessi abbracciando di nuovo. Ti giuro che mi prenderò cura di lei con l’amore infinito che ho da dare e tu dal cielo mi aiuterai”. Con questa dichiarazione diffusa alla stampa, Ana Obregon ha confermato le voci che circolavano sulla nascita della piccola Ana Sandra. L’attrice, infatti, era stata fotografata mentre usciva da una clinica di Miami con una neonata tra le braccia e dopo pochi giorni era arrivata la conferma: la piccola era stata concepita grazie alla maternità surrogata di una donna, col materiale biologico di Aless, figlio di Obregon, congelato prima che il giovane morisse di cancro a soli 27 anni.

La legge spagnola non ammette l’utero in affitto, per questo l’attrice ha svolto l’iter in Florida, scegliendo personalmente la donatrice di ovuli. Non è chiaro se quest’ultima abbia poi materialmente messo al mondo la piccola, o se l’embrione sia stato impiantato in un’altra donna. Tuttavia “legalmente è mia figlia e così viene indicato sul suo passaporto, afferma Obregon nell’intervista rilasciata a ¡Hola!.

L’attrice afferma ora che quella di concepire un figlio è stata l’ultima volontà di Aless: “Ho preso la decisione di iniziare il processo di maternità surrogata, che come è noto implica la partecipazione di una donatrice di ovulo e di una gestante, il giorno stesso in cui lui è volato in cielo“, ha detto a ¡Hola!. Inoltre, Obregon non ha nessuna intenzione di nascondere la verità alla piccola. Sempre durante l’intervista ha dichiarato: “Le dirò: tuo papà è in cielo e che tu arrivassi era ciò che più desiderava al mondo, e tua mamma è una donatrice, e basta. Che problema c’è?“.

In realtà il problema esiste eccome. A parte la confusione sul ruolo genitoriale di madre e su quello di nonna, che in questo caso si intrecciano indissolubilmente, creare un precedente di questo tipo potrebbe aprire la strada ad altri episodi analoghi. I social, alla notizia della nascita, hanno risposto anche in modo critico: basta avere i soldi e si può fare tutto quello che si vuole. Ben venga il desiderio di maternità, ma a che prezzo? E non solo per la madre/nonna, ma anche per la piccola.

Ana Obregon ha deciso comunque di raccontare la storia in un libro. “Il libro che hai iniziato e che ho abbracciato con le mie parole “Il Ragazzo dei Ragni” sarà in vendita il 19 aprile, e poiché era il tuo desiderio il profitto d’autore sarà destinato alla ricerca sul cancro nella tua fondazione @fondazioneslequio. In questo lavoro spiego tutto l’uragano di sentimenti di una madre di fronte alla perdita di un figlio e il lungo cammino per arrivare a questa benedizione e miracolo di bambina Anita, che è tua figlia”, ha dichiarato l’attrice.

Copyright@2023TheWomenSentinel – Diritti Riservati – Riproduzione Vietata

  • Registrazione Tribunale di Roma n.133/22 del 8/11/22

Direttore Stefania Catallo

Stefania Catallo, romana e fondatrice del centro antiviolenza Marie Anne Erize. Si occupa di storia orale e di diritti delle donne. Giornalista e scrittrice, ha pubblicato diversi libri, l'ultimo dei quali "Evviva, Marie Anne è viva!" (2018, Universitalia), ha ricevuto il Premio Orsello nella sezione Società.

Redazione:

EMYLIU' SPATARO

Emilio Spataro, in arte Emyliù, attore, chansonnier, fotografo, grafico. Di origine calabrese cirotana, vive a Roma. Opinionista e Web Master del Magazine.

MAVA FANKU'

Opinionista disincantata, dotata di un notevole senso dell'umorismo e di una dialettica tagliente, Mava Fankù cura attualmente due rubriche, La Pillola Politica e I Pensierini di Mava, elzeviri su temi vari che ispirano la nostra signorina agèe, da poco anche in video, oltre che in podcast, oltre che in scrittura.

ALESSIO PAPALINI

Romano, educatore, formatore e appassionato di lettura e comunicazione. Attore del Teatro Studio Jankowski di Roma

PATRIZIA MIRACCO

Psicoterapeuta e giornalista. Appassionata di arte e mamma umana di Aki, una bella cagnolina a quattro zampe di 4 anni.

VENIO SCOCCINI

Diplomato all'Istituto Alberghiero Michelangelo Buonarroti di Fiuggi (FR) - Dopo una lunga esperienza in Italia, e all'estero come chef per personaggi di rilievo, sia in casa che su yacht, nel 2013 si è trasferito a Londra, dove ha appreso nozioni di cucina multietnica continuando a lavorare come chef privato.

ROSELLA MUCCI

Ho sperimentato il palco cimentandomi in progetti di Teatro Sociale tra il 2012 e il 2015 con testi sulla Shoa, sul femminicidio, sulla guerra. Il mio percorso teatrale è poi proseguito in autonomia quando ho sentito il desiderio di portare in scena testi scritti proprio da me.Tutti i miei scritti per scelta hanno

error

Enjoy this blog? Please spread the word :)