PORA NONNA LA SAGA. UN MATRIMONIO BELLO DA MORIRE

ASCOLTA IL RACCONTO LETTO DA ALESSIO PAPALINI

“Mamma e papà se so sposati nel 1962, e sai com‟era a quei tempi: al matrimonio ce se andava col pulmino. Si, insomma, tutti l‟invitati se davano appuntamento da na parte, se affittava un pulmino e poi s‟andava a prende la sposa. Era na cosa allegra, ce se divertiva pure prima del matrimonio vero e proprio. E invece mamma no, nun voleva, se vergognava de salì sul pulmino, perchè diceva che era na cosa da cafoni, e lei invece c‟aveva un temperamento artistico e di classe, quindi niente pulmino e niente caciara prima della cerimonia.

Il giorno del matrimonio pioveva a dirotto e faceva pure freddo. Agli invitati però non gliene importava niente, perchè loro pensavano al pranzo, e visto che era fine ottobre, già je sembrava da sentì er profumo del sugo de sarcicce e delle castagne arrosto.

Comunque sia, dopo la messa, i saluti e le fotografie, mamma se trovò costretta a salì sopra sto pulmino, e se ne andarono tutti a pranzo allegramente.

Na vorta li pranzi de matrimonio se tenevano a casa, perchè andà al ristorante costava troppo. E allora pora nonna, visto che abitava in campagna e c‟aveva na cucina enorme che manco quelle der Gambero Rosso, aveva organizzato a casa sua. Ancora me ricordo sta cucina, co le trecce d‟aglio che pendevano dai chiodi, sempre profumata de cose bone. Pora nonna era na maga pe cucinà la carne, e come te faceva lei il coniglio alla cacciatora, nun te lo faceva nessuno.

Quindi dopo un po‟ arrivò tutta sta brigata de gente, e le donne che erano venute pe aiutà cominciarono a fa sedè l‟invitati e a portà l‟antipasti. Tutta roba fatta in casa: prosciutto, olive, spiedini de maiale, che solo a pensacce me viè na fame, mannaggia a me e ar colesterolo alto che me ritrovo!

Mamma e paà l‟avevano messi seduti a capotavola, e avevano sistemato la tavola a fero de cavallo; ma era talmente lunga e affollata che manco vedevi quello che stava seduto due o tre posti dopo de te. E poi, co tutto quel lavoro de forchette e cortelli, manco te ne fregava niente de vedello, o sbaglio?

A un certo punto mamma se accorse de un movimento strano

quasi alla fine della tavolata, ma il vino girava parecchio, e credette che qualcheduno s‟era imbriacato e l‟avevano portato sul letto de nonna pè smaltì la sbornia e nun disturbà l‟altri che stavano a magnà.

Tutto continuò tranquillo e allegro, e gli sposi erano contenti.

Il pranzo andò benissimo; nun erano rimaste manco l‟ossa della carne, questi s‟erano magnati tutto come un‟orda de cavallette.

A una cert‟ora mamma, che doveva partì pe Roma co papà, chiese a nonna dove poteva mettese pe togliese l‟abito da sposa e mettese quello da viaggio. E nonna allora aprì la porta della camera da letto, e je disse: “Entra, che t‟aiuto sennò da sola nun ce la fai”.

Immagginateve la faccia de mamma quando entrò co nonna e vide uno steso sul letto.

  • E questo chi è?” – chiese a nonna.
  • E‟ un invitato nostro.”- rispose nonna un po‟ evasiva.
  • E che ce sta a fa sul letto tuo? Io mica me posso spojà davanti a lui!”- – “Si che poi: è morto.”-
  • Ma come è morto?!” – disse mamma – “E quando sarebbe morto? Oddio, a me questo me fa impressione!” –

E nonna allora je rispose: – “Hai visto quando durante er pranzo c‟è stata quella caciara? Tu nun te ne sei accorta, ma questo a un certo punto è cascato co la faccia sur tavolo, così all‟improvviso. La moglie se credeva che s‟era imbriacato, invece quando l‟avemo portato de qua, ce semo accorti che era morto. E che dovevamo fa? Mica te potevamo rovinà er pranzo de nozze! Allora l‟avemo messo sul letto e semo tornati de là a magnà e fa festa, tanto era morto!” –

– “Ah „mbe, allora come non detto. A mà, viemme a dà na mano, che co sto vestito addosso nun ce la faccio più!” – rispose mamma.

E, alla faccia del morto, alla fine se fecero pure il bicchiere della staffa”.

Copyright @2022 TheWomenSentinel.net | Tutti i diritti riservati | Riproduzione Vietata

Title: Debora
Author: Dilating Times (/https://freemusicarchive.org/music/Dilating_Times/single/debora/)
Source: Free Music Archive (https://freemusicarchive.org/music/Dilating_Times/)
License: CC BY Attribution 4.0 International License
Edit

  • Registrazione Tribunale di Roma n.133/22 del 8/11/22
  • Direttore Stefania Catallo

Stefania Catallo, romana e fondatrice del centro antiviolenza Marie Anne Erize. Si occupa di storia orale e di diritti delle donne. Giornalista e scrittrice, ha pubblicato diversi libri, l'ultimo dei quali "Evviva, Marie Anne è viva!" (2018, Universitalia), ha ricevuto il Premio Orsello nella sezione Società.

Redazione:

Emyliù Spataro

Emilio Spataro, in arte Emyliù, attore, chansonnier, fotografo, grafico. Di origine calabrese cirotana, vive a Roma. Webmaster del Magazine.

Saverio Giangregorio

Attivista ANPI e Amnesty International, femminista, si occupa anche di Jus Soli e della causa degli italiani senza cittadinanza. Segue dal primo giorno la vicenda di Giulio Regeni, di cui riporta l'amaro conteggio ogni giorno sui suoi profili social. Attivista ANPI per il senso di profondo rispetto verso coloro che ci hanno liberato da nazisti e fascisti. "Siamo una democrazia e indietro non dobbiamo tornare".

Mava Fankù

Opinionista disincantata, dotata di un notevole senso dell'umorismo e di una dialettica tagliente, Mava Fankù risponderà ai lettori del nostro magazine nella sua rubrica settimanale "La posta del cuore".  Niente sfuggirà al suo giudizio, tagliente ma mai cattivo, e a chi scriverà elargirà i suoi consigli per cuori feriti, timidi, birichini , tachicardici e brachicardici.

Lorenzo Raonel Simon Sanchez

Esperto in comunicazione, divulgatore e attivista per i diritti umani della comunità LGBTQ+

Alessio Papalini

Romano, educatore, formatore e appassionato di lettura e comunicazione

PATRIZIA MIRACCO

Psicoterapeuta e giornalista. Appassionata di arte e mamma umana di Aki, una bella cagnolina a quattro zampe di 4 anni.

Shares
error

Enjoy this blog? Please spread the word :)

error: Content is protected !!