PORA NONNA di STEFANIA CATALLO

IL CORREDO FUNEBRE DE PORA NONNA – ASCOLTA IL RACCONTO DALLA VOCE DI ALESSIO PAPALINI

No, pora nonna mica era un faraone! Il corredo funebre era tutta una serie di cose che aveva messo da parte pe esse bella e elegante pure da morta. E certo, che ve pensavate?

Un giorno nonna me chiamò e me disse:

  • Rosè, mo te faccio vedè na cosa. Quanno moro, tira fori ste cose e sistemame te, che dell‟altri nun me fido.”
  • Ah nò, ma io c‟ho paura, scusa ce stanno quelli delle pompe funebri, le do a loro le cose tue!”
  • Ma de che?!?!? Quelli chissà come me combinano! No! Me devi vesti te! E mo te faccio vedè tutto.”

Allora pora nonna aprì l‟armadio e posò sul letto:

  • copriletto di damasco rosso porpora nuovo, perchè il rosso ravviva la pelle ed è elegante; nell‟ordine: reggiseno color carne (che nun se vede sotto i vestiti); culotte color carne; calze velate color carne; sottoveste nera col pizzo; vestito di seta nera a piccoli fiori tono su tono con fiocco al collo che è più elegante; rosario di cristallo trasparente col crocifisso d‟argento; velo leggero leggero da mettere sul viso casomai moriva d‟estate (hai visto mai che le mosche je se posavano sulla faccia?); scarpe nove nove de pelle nera, modello col cinturino e tacco 3 centimetri; centrino all‟uncinetto da mettere sul comodino, per farci posare il contenitore dell‟acqua santa al prete; rossetto rosa pallido; acqua di rose perchè pure da morta pora nonna doveva profumà; e LE PERLE!

A voi ve viè da ride, ma io ero senza parole! Ma questa quando aveva incominciato a fasse sto corredo? Quando era nata?

Io il corredo funebre nun l‟avevo mai visto, e voi?

Ma l‟acqua de rose?!?!?

Ah, dimenticavo: appena morta dovevo chiamà la parrucchiera. Nun sia mai che pora nonna moriva spettinata, eh!

Comunque, pora nonna campò ancora un sacco di tempo. Alla faccia de quello che aveva detto il dottore, lei è morta a 91 anni. Lo vedi che ai dottori nun bisogna daje retta? Lo diceva pora nonna, che se a lei je davano na pasticca, pe sicurezza se ne prendeva metà! Lei era il dottore de se stessa, mica quegli asini che stavano all‟ospedale.

Pure da vecchia, era sempre elegante. E coi capelli fatti.

Volete sapè come è morta, vero?

Curiosi!!!

Pora nonna andò a dormì e nun se svegliò più.

La morte l‟aveva buggerata: era morta in camicia da notte de flanella, coi calzini ai piedi, senza perle, senza acqua de rose e pure spettinata.

Madonna mia!!! E mo?

Niente paura! Dopo qualche ora, quando vennero l‟amiche sue pe vedè la morta, era elegantissima. Avevo fatto na fatica, ma l‟avevo vestita come diceva lei.

Le vecchie rosicarono d‟invidia, tutte a dì quant‟era bella pora nonna da morta. Poi una de loro me s‟avvicinò e me disse:

– Te devo di na cosa, Rosè…nun è che me verresti a vestì pure a me quando arriva l‟ora mia? Pure io voglio esse elegante come tu nonna!!!

E mo, so diventata la stilista delle defunte!

Title: Debora
Author: Dilating Times (/https://freemusicarchive.org/music/Dilating_Times/single/debora/)
Source: Free Music Archive (https://freemusicarchive.org/music/Dilating_Times/)
License: CC BY Attribution 4.0 International License
No remix

Copyright © 2022 TheWomenSentinel.net | Tutti i diritti riservati | Riproduzione Vietata |

  • Registrazione Tribunale di Roma n.133/22 del 8/11/22
  • Direttore Stefania Catallo

Stefania Catallo, romana e fondatrice del centro antiviolenza Marie Anne Erize. Si occupa di storia orale e di diritti delle donne. Giornalista e scrittrice, ha pubblicato diversi libri, l'ultimo dei quali "Evviva, Marie Anne è viva!" (2018, Universitalia), ha ricevuto il Premio Orsello nella sezione Società.

Redazione:

Emyliù Spataro

Emilio Spataro, in arte Emyliù, attore, chansonnier, fotografo, grafico. Di origine calabrese cirotana, vive a Roma. Webmaster del Magazine.

Saverio Giangregorio

Attivista ANPI e Amnesty International, femminista, si occupa anche di Jus Soli e della causa degli italiani senza cittadinanza. Segue dal primo giorno la vicenda di Giulio Regeni, di cui riporta l'amaro conteggio ogni giorno sui suoi profili social. Attivista ANPI per il senso di profondo rispetto verso coloro che ci hanno liberato da nazisti e fascisti. "Siamo una democrazia e indietro non dobbiamo tornare".

Mava Fankù

Opinionista disincantata, dotata di un notevole senso dell'umorismo e di una dialettica tagliente, Mava Fankù risponderà ai lettori del nostro magazine nella sua rubrica settimanale "La posta del cuore".  Niente sfuggirà al suo giudizio, tagliente ma mai cattivo, e a chi scriverà elargirà i suoi consigli per cuori feriti, timidi, birichini , tachicardici e brachicardici.

Lorenzo Raonel Simon Sanchez

Esperto in comunicazione, divulgatore e attivista per i diritti umani della comunità LGBTQ+

Alessio Papalini

Romano, educatore, formatore e appassionato di lettura e comunicazione

PATRIZIA MIRACCO

Psicoterapeuta e giornalista. Appassionata di arte e mamma umana di Aki, una bella cagnolina a quattro zampe di 4 anni.

Shares
error

Enjoy this blog? Please spread the word :)

error: Content is protected !!