TRA PEDOFILIA E BOTOX: L’INFANZIA A RISCHIO DELLE PICCOLE MISS

Già Luchino Visconti aveva attenzionato il fenomeno delle piccole miss e delle loro madri ambiziose in “Bellissima” con Anna Magnani. Oggi dopo le foto scandalo di Balenciaga, qual è la situazione dei concorsi di bellezza per bambini?

Lo scandalo Balenciaga scoppiato lo scorso dicembre, aveva posto l’attenzione mondiale sulle pubblicità con i minori. Nel caso specifico, i bambini erano stati fotografati con elementi che rimandavano al bondage; gli scatti facevano parte della campagna Balenciaga Gift Shop, ritirata immediatamente dopo le proteste dei molti, tra cui varie celebrities, circa l’accostamento dei bambini a temi scabrosi e di natura sessuale.

La nuova campagna Garde-Robe 2023, avviata dal brand subito dopo quella contestata, mostrava nelle foto dei documenti che si riferivano alle decisioni della Corte Suprema statunitense in merito alle leggi sulla pornografia infantile. Anche qui piovvero critiche, alle quali la Maison rispose con questa dichiarazione: “Prendiamo molto sul serio la questione e stiamo intraprendendo un’azione legale contro le parti responsabili della creazione del set e dell’inclusione di articoli non approvati per il nostro servizio fotografico della campagna primavera 2023. Condanniamo fermamente qualsiasi forma di abuso sui bambini. Sosteniamo la sicurezza e il benessere dei bambini”. Viene però da chiedersi come mai la campagna fosse stata approvata e lanciata: forse i settori preposti non avevano comunicato? O forse si trattava di una provocazione da parte della Casa di moda, andata perfettamente a segno?

Sta di fatto che esistono delle realtà nelle quali i bambini vengono oggettivizzati e sessualizzati, e spesso su di loro vengono proiettate le ambizioni genitoriali, soprattutto materne.

Una delle foto @Balenciaga Objects

Little Miss America

Pompate a zuccheri e caffè per tenerle su, messe a dieta, truccate come delle donne adulte, depilate, acconciate, fotografate in pose ammiccanti, camminando spesso sui tacchi alti e in abito da sera, e in alcuni casi trattate col botox: queste piccole concorrenti vengono private della loro infanzia, che si intravede sotto cipria e rossetto, per diventare l’incarnazione di una bellezza malata. Sebbene sia evidente la loro età, lo show al quale partecipano le vuole little miss: piccole miniature di quelle adulte che le spingono alla competizione e che vivono attraverso le loro figlie, cercando rivincite personali con la conquista del titolo di bambina più bella d’America. Ovviamente ci sono concorsi di tipo diverso, ma tendenzialmente sono di due tipi: i natural, nei quali le bambine sfilano acqua e sapone; e i glitz, dove tutto o quasi è ammesso, finanche i denti finti per non far vedere quelli da latte mancanti.

@Real Time Little Miss America

Le giurie di questi concorsi valutano le piccole concorrenti in base a parametri di bellezza del viso e del corpo, attitudine artistica e anche con un colloquio, così da far sembrare tutto normale, se è poi così normale far sfilare bambine di pochi anni. Lo spettro della pedofilia aleggia intorno a questi casting: basti pensare al caso di JonBénet Ramsey, uccisa nel 1996 e della quale non è stato trovato il colpevole, insieme al pericolo delle ripercussioni psicologiche: quali conseguenze avrà questa ricerca della bellezza perfetta, quasi filtrata, da raggiungere assolutamente? Quanto costerà l’ambizione, spesso delusa, di essere la prima? E, semmai si arriverà al titolo, si riusciranno a conciliare gli impegni pubblicitari allo studio? Lasciare la corona e la fascia a un’altra sarà poi così semplice? E i disturbi alimentari che potrebbero svilupparsi? Ma, soprattutto, è giusto far vivere gli stereotipi di bellezza femminile, inculcati da millenni e insiti nella società, che tanti danni hanno provocato, condannando spesso le donne a un ideale estetico irraggiungibile, a delle piccole di pochi anni?

Immagine web

I concorsi in Italia

Aboliti in Francia dal 2013, in Italia esistono concorsi di bellezza per i piccoli, le cui dinamiche, pur assomigliando a quelle d’oltre oceano, sono leggermente diverse. Nel 2019 Filomena Albano, allora Garante per l’infanzia e l’adolescenza dichiarava: “È necessario ricordare che esiste la Convenzione Onu sui diritti dei minori. E che i bambini vanno protetti da ogni forma di sfruttamento che possa essere pregiudizievole per il loro benessere. L’ordinamento italiano offre dei rimedi: la valutazione sulla condotta dei genitori o di chi esercita la responsabilità è infatti affidata all’autorità giudiziaria, che può intervenire laddove ci siano delle violazioni dei diritti dei bambini“, sottolineando così l’importanza della vigilanza e del compito genitoriale.

Copyright © 2023 TheWomenSentinel.net | Tutti i diritti riservati | Riproduzione Vietata |

About Post Author

Leave a Reply

  • Registrazione Tribunale di Roma n.133/22 del 8/11/22
  • Direttore Stefania Catallo
STEFANIA CATALLO

Stefania Catallo, romana e fondatrice del centro antiviolenza Marie Anne Erize. Si occupa di storia orale e di diritti delle donne. Giornalista e scrittrice, ha pubblicato diversi libri, l'ultimo dei quali "Evviva, Marie Anne è viva!" (2018, Universitalia), ha ricevuto il Premio Orsello nella sezione Società.

Redazione:

EMYLIU' SPATARO

Emilio Spataro, in arte Emyliù, attore, chansonnier, fotografo, grafico. Di origine calabrese cirotana, vive a Roma. Opinionista e Web Master del Magazine.

SAVERIO GIANGREGORIO

Attivista ANPI e Amnesty International, femminista, si occupa anche di Jus Soli e della causa degli italiani senza cittadinanza. Segue dal primo giorno la vicenda di Giulio Regeni, di cui riporta l'amaro conteggio ogni giorno sui suoi profili social. Attivista ANPI per il senso di profondo rispetto verso coloro che ci hanno liberato da nazisti e fascisti. "Siamo una democrazia e indietro non dobbiamo tornare".

MAVA FANKU'

Opinionista disincantata, dotata di un notevole senso dell'umorismo e di una dialettica tagliente, Mava Fankù cura attualmente due rubriche, La Pillola Politica e I Pensierini di Mava, elzeviri su temi vari che ispirano la nostra signorina agèe, da poco anche in video, oltre che in podcast, oltre che in scrittura.

LORENZO RAONEL SIMON SANCHEZ

Esperto in comunicazione, divulgatore e attivista per i diritti umani della comunità LGBTQ+

ALESSIO PAPALINI

Romano, educatore, formatore e appassionato di lettura e comunicazione. Attore del Teatro Studio Jankowski di Roma

PATRIZIA MIRACCO

Psicoterapeuta e giornalista. Appassionata di arte e mamma umana di Aki, una bella cagnolina a quattro zampe di 4 anni.

VENIO SCOCCINI

Diplomato all'Istituto Alberghiero Michelangelo Buonarroti di Fiuggi (FR) - Dopo una lunga esperienza in Italia, e all'estero come chef per personaggi di rilievo, sia in casa che su yacht, nel 2013 si è trasferito a Londra, dove ha appreso nozioni di cucina multietnica continuando a lavorare come chef privato.

ROSELLA MUCCI

Ho sperimentato il palco cimentandomi in progetti di Teatro Sociale tra il 2012 e il 2015 con testi sulla Shoa, sul femminicidio, sulla guerra. Il mio percorso teatrale è poi proseguito in autonomia quando ho sentito il desiderio di portare in scena testi scritti proprio da me.Tutti i miei scritti per scelta hanno come punto comune una ironia sana e leggera che aiuta il pubblico a riflettere sull'argomento proposto.

Shares
error

Enjoy this blog? Please spread the word :)

error: Content is protected !!