AFGHANISTAN: UNIVERSITÀ VIETATE ALLE DONNE. LA PAURA DEI TALEBANI PER IL POTERE FEMMINILE

Immagine di copertina @reuters

“A tutti gli Emirati e alle istituzioni e università private!
Nel nome di Dio e che la misericordia e le benedizioni di Allah siano su di voi,
Che Dio ci renda vincenti in tutti le nostre battaglie.
Secondo la decisione del gabinetto numero 28 del 1443 (calendario locale) tutti sono informati che la suddetta decisione (l’istruzione delle “donne” è sospesa fino al secondo ordine) è urgentemente attuata e dovete assicurare il ministero delle vostre azioni.
Shaikh Malawi Neda Mohammad Nadim
(Ministro dell’istruzione superiore)”.

Questa è la traduzione del documento col quale viene sospesa a tempo indeterminato l’istruzione universitaria per le donne afghane. Il provvedimento va ad aggiungersi alle altre restrizioni già in vigore nella nazione, colpendo di nuovo il diritto all’istruzione per le ragazze. Tre mesi fa, moltissime donne avevano superato gli esami di amissione alle università del Paese, sebbene alcune facoltà come ingegneria, agricoltura, veterinaria ed economia fossero loro precluse, mentre il giornalismo resisteva, seppur fortemente limitato.

Alla presa di potere da parte del governo islamico, avvenuto nell’agosto 2021, era seguito un primo giro di vite riguardante l’accesso alla vita scolastica, con l’istituzione di accessi separati per entrare in aula e classi divise per genere. Adesso, le porte della vita accademica resteranno chiuse per insegnanti e studentesse a tempo indeterminato.

Questo è quello che accade a Kabul e nelle altre città culturalmente più avanzate; non ci sono invece notizie sulle condizioni delle donne nelle zone più interne, dove le cose potrebbero essere più gravi o immutate, ferme a secoli fa.

In un’intervista alla BBC una studentessa ha dichiarato: “Hanno distrutto l’unico ponte che poteva collegarmi al mio futuro. Come posso reagire? Credevo di poter studiare e cambiare il mio futuro o portare la luce nella mia vita ma loro me l’hanno distrutta. Hanno paura delle donne e del loro potere”.

Ned Price, portavoce del dipartimento di stato statunitense ha condannato la decisione attraverso una nota. Ora si spera in azioni concrete a livello internazionale, sempre che i diritti calpestati valgano tanto e di più dei minerali rari nelle mani dei Talebani, di cui la tecnologia ha bisogno.

Copyright © 2022 TheWomenSentinel.net | Tutti i diritti riservati | Riproduzione Vietata |

About Post Author

Leave a Reply

  • Registrazione Tribunale di Roma n.133/22 del 8/11/22
  • Direttore Stefania Catallo

Stefania Catallo, romana e fondatrice del centro antiviolenza Marie Anne Erize. Si occupa di storia orale e di diritti delle donne. Giornalista e scrittrice, ha pubblicato diversi libri, l'ultimo dei quali "Evviva, Marie Anne è viva!" (2018, Universitalia), ha ricevuto il Premio Orsello nella sezione Società.

Redazione:

Emyliù Spataro

Emilio Spataro, in arte Emyliù, attore, chansonnier, fotografo, grafico. Di origine calabrese cirotana, vive a Roma. Opinionista e Web Master del Magazine.

Saverio Giangregorio

Attivista ANPI e Amnesty International, femminista, si occupa anche di Jus Soli e della causa degli italiani senza cittadinanza. Segue dal primo giorno la vicenda di Giulio Regeni, di cui riporta l'amaro conteggio ogni giorno sui suoi profili social. Attivista ANPI per il senso di profondo rispetto verso coloro che ci hanno liberato da nazisti e fascisti. "Siamo una democrazia e indietro non dobbiamo tornare".

Mava Fankù

Opinionista disincantata, dotata di un notevole senso dell'umorismo e di una dialettica tagliente, Mava Fankù cura attualmente due rubriche, La Pillola Politica e I Pensierini di Mava, elzeviri su temi vari che ispirano la nostra signorina agèe, da poco anche in video, oltre che in podcast, oltre che in scrittura.

Lorenzo Raonel Simon Sanchez

Esperto in comunicazione, divulgatore e attivista per i diritti umani della comunità LGBTQ+

Alessio Papalini

Romano, educatore, formatore e appassionato di lettura e comunicazione. Attore del Teatro Studio Jankowski di Roma

PATRIZIA MIRACCO

Psicoterapeuta e giornalista. Appassionata di arte e mamma umana di Aki, una bella cagnolina a quattro zampe di 4 anni.

VENIO SCOCCINI

Diplomato all'Istituto Alberghiero Michelangelo Buonarroti di Fiuggi (FR) - Dopo una lunga esperienza in Italia, e all'estero come chef per personaggi di rilievo, sia in casa che su yacht, nel 2013 si è trasferito a Londra, dove ha appreso nozioni di cucina multietnica continuando a lavorare come chef privato.

Shares
error

Enjoy this blog? Please spread the word :)

error: Content is protected !!