Mava tra Alida Valli

SVEGLIARSI UNA MATTINA CON LA CAMICETTA NERA @ LA PILLOLA POLITICA DI MAVA FANKÚ

In fondo alla pillola trovi il video di Mava Emyliu’ Fanku’ canta Milly

🌜Premesso che trovo la moda del ventennio nero molto sobria ed elegante, se avulsa da ogni significato ideologico. Così come la produzione di quegli artisti amanti della libera espressione che, pur calcando le mode del regime, sia nel canto che nella recitazione, mantennero la loro unicità senza schierarsi contro il fascismo, ma asservendosi al regime solo in apparenza, per sopravvivere. Come Milly.

🌜Ma vediamo come sarebbe la giornata tipo di uno di questi nei fascisti. Ops neo fascisti. Anche se l’errore è voluto, perché i nei ne rappresentano perfettamente la dimensione umana.


🌜Parafrasando i fratelli Guzzantibus: “Troppo facile fare i fascisti in una sgangherata democrazia”.

🌜“Io per far smettere i fascisti di essere fascisti gli darei il fascismo”. Scrive M.G.M. su faccia-da-libro.


Sveglia alle 8 il sabato ad ascoltare un discorso di 3 ore.
Bacchettate sulle mani se osano contraddire il maestro.
Niente musica straniera, niente film e serie Tv che vengono dall’America capitalista, ciao MacDonald, ciao Playstation, ciao canali satellitari. solo la RAI.
Leva obbligatoria e severa, subito al lavoro, niente aperitivi e shatush da effemminati.
E a gennaio, tutti in Russia in gita scolastica con le Superga di tela. Chi torna, vedrai che gli passa.” (M.G.M)

🌜Questa perla satirica è da anni che mi echeggia nella testolina, me ne ricordo spesso, e ora che mi pare piu’ pertinente che mai, la do’ in pasto ad un’ipotetico pubblico di lettori/spettatori sotto forma di porcellini con le ali di LidiaRaveriana memoria…

🌜Sempre prima mia e poi forse anche vostra

Mava Fankú

Copyright © 2022 TheWomenSentinel.net | Tutti i diritti riservati | Riproduzione Vietata |

About Post Author

  • Registrazione Tribunale di Roma n.133/22 del 8/11/22
  • Direttore Stefania Catallo
STEFANIA CATALLO

Stefania Catallo, romana e fondatrice del centro antiviolenza Marie Anne Erize. Si occupa di storia orale e di diritti delle donne. Giornalista e scrittrice, ha pubblicato diversi libri, l'ultimo dei quali "Evviva, Marie Anne è viva!" (2018, Universitalia), ha ricevuto il Premio Orsello nella sezione Società.

Redazione:

EMYLIU' SPATARO

Emilio Spataro, in arte Emyliù, attore, chansonnier, fotografo, grafico. Di origine calabrese cirotana, vive a Roma. Opinionista e Web Master del Magazine.

SAVERIO GIANGREGORIO

Attivista ANPI e Amnesty International, femminista, si occupa anche di Jus Soli e della causa degli italiani senza cittadinanza. Segue dal primo giorno la vicenda di Giulio Regeni, di cui riporta l'amaro conteggio ogni giorno sui suoi profili social. Attivista ANPI per il senso di profondo rispetto verso coloro che ci hanno liberato da nazisti e fascisti. "Siamo una democrazia e indietro non dobbiamo tornare".

MAVA FANKU'

Opinionista disincantata, dotata di un notevole senso dell'umorismo e di una dialettica tagliente, Mava Fankù cura attualmente due rubriche, La Pillola Politica e I Pensierini di Mava, elzeviri su temi vari che ispirano la nostra signorina agèe, da poco anche in video, oltre che in podcast, oltre che in scrittura.

LORENZO RAONEL SIMON SANCHEZ

Esperto in comunicazione, divulgatore e attivista per i diritti umani della comunità LGBTQ+

ALESSIO PAPALINI

Romano, educatore, formatore e appassionato di lettura e comunicazione. Attore del Teatro Studio Jankowski di Roma

PATRIZIA MIRACCO

Psicoterapeuta e giornalista. Appassionata di arte e mamma umana di Aki, una bella cagnolina a quattro zampe di 4 anni.

VENIO SCOCCINI

Diplomato all'Istituto Alberghiero Michelangelo Buonarroti di Fiuggi (FR) - Dopo una lunga esperienza in Italia, e all'estero come chef per personaggi di rilievo, sia in casa che su yacht, nel 2013 si è trasferito a Londra, dove ha appreso nozioni di cucina multietnica continuando a lavorare come chef privato.

ROSELLA MUCCI

Ho sperimentato il palco cimentandomi in progetti di Teatro Sociale tra il 2012 e il 2015 con testi sulla Shoa, sul femminicidio, sulla guerra. Il mio percorso teatrale è poi proseguito in autonomia quando ho sentito il desiderio di portare in scena testi scritti proprio da me.Tutti i miei scritti per scelta hanno come punto comune una ironia sana e leggera che aiuta il pubblico a riflettere sull'argomento proposto.

Shares
error

Enjoy this blog? Please spread the word :)

error: Content is protected !!