3 Ottobre 2023

UN MATRIMONIO BELLO DA MORIRE DI STEFANIA CATALLO – LETTURA DEL SABATO

ASCOLTA IL RACCONTO LETTO DA ALESSIO PAPALINI

“Mamma e papà se so sposati nel 1962, e sai com‟era a quei tempi: al matrimonio ce se andava col pulmino. Si, insomma, tutti l‟invitati se davano appuntamento da na parte, se affittava un pulmino e poi s‟andava a prende la sposa. Era na cosa allegra, ce se divertiva pure prima del matrimonio vero e proprio. E invece mamma no, nun voleva, se vergognava de salì sul pulmino, perchè diceva che era na cosa da cafoni, e lei invece c‟aveva un temperamento artistico e di classe, quindi niente pulmino e niente caciara prima della cerimonia.

Il giorno del matrimonio pioveva a dirotto e faceva pure freddo. Agli invitati però non gliene importava niente, perchè loro pensavano al pranzo, e visto che era fine ottobre, già je sembrava da sentì er profumo del sugo de sarcicce e delle castagne arrosto.

Comunque sia, dopo la messa, i saluti e le fotografie, mamma se trovò costretta a salì sopra sto pulmino, e se ne andarono tutti a pranzo allegramente.

Na vorta li pranzi de matrimonio se tenevano a casa, perchè andà al ristorante costava troppo. E allora pora nonna, visto che abitava in campagna e c‟aveva na cucina enorme che manco quelle der Gambero Rosso, aveva organizzato a casa sua. Ancora me ricordo sta cucina, co le trecce d‟aglio che pendevano dai chiodi, sempre profumata de cose bone. Pora nonna era na maga pe cucinà la carne, e come te faceva lei il coniglio alla cacciatora, nun te lo faceva nessuno.

Quindi dopo un po‟ arrivò tutta sta brigata de gente, e le donne che erano venute pe aiutà cominciarono a fa sedè l‟invitati e a portà l‟antipasti. Tutta roba fatta in casa: prosciutto, olive, spiedini de maiale, che solo a pensacce me viè na fame, mannaggia a me e ar colesterolo alto che me ritrovo!

Mamma e paà l‟avevano messi seduti a capotavola, e avevano sistemato la tavola a fero de cavallo; ma era talmente lunga e affollata che manco vedevi quello che stava seduto due o tre posti dopo de te. E poi, co tutto quel lavoro de forchette e cortelli, manco te ne fregava niente de vedello, o sbaglio?

A un certo punto mamma se accorse de un movimento strano

quasi alla fine della tavolata, ma il vino girava parecchio, e credette che qualcheduno s‟era imbriacato e l‟avevano portato sul letto de nonna pè smaltì la sbornia e nun disturbà l‟altri che stavano a magnà.

Tutto continuò tranquillo e allegro, e gli sposi erano contenti.

Il pranzo andò benissimo; nun erano rimaste manco l‟ossa della carne, questi s‟erano magnati tutto come un‟orda de cavallette.

A una cert‟ora mamma, che doveva partì pe Roma co papà, chiese a nonna dove poteva mettese pe togliese l‟abito da sposa e mettese quello da viaggio. E nonna allora aprì la porta della camera da letto, e je disse: “Entra, che t‟aiuto sennò da sola nun ce la fai”.

Immagginateve la faccia de mamma quando entrò co nonna e vide uno steso sul letto.

  • E questo chi è?” – chiese a nonna.
  • E‟ un invitato nostro.”- rispose nonna un po‟ evasiva.
  • E che ce sta a fa sul letto tuo? Io mica me posso spojà davanti a lui!”- – “Si che poi: è morto.”-
  • Ma come è morto?!” – disse mamma – “E quando sarebbe morto? Oddio, a me questo me fa impressione!” –

E nonna allora je rispose: – “Hai visto quando durante er pranzo c‟è stata quella caciara? Tu nun te ne sei accorta, ma questo a un certo punto è cascato co la faccia sur tavolo, così all‟improvviso. La moglie se credeva che s‟era imbriacato, invece quando l‟avemo portato de qua, ce semo accorti che era morto. E che dovevamo fa? Mica te potevamo rovinà er pranzo de nozze! Allora l‟avemo messo sul letto e semo tornati de là a magnà e fa festa, tanto era morto!” –

– “Ah „mbe, allora come non detto. A mà, viemme a dà na mano, che co sto vestito addosso nun ce la faccio più!” – rispose mamma.

E, alla faccia del morto, alla fine se fecero pure il bicchiere della staffa”.

Copyright @2022 TheWomenSentinel.net | Tutti i diritti riservati | Riproduzione Vietata

Title: Debora
Author: Dilating Times (/https://freemusicarchive.org/music/Dilating_Times/single/debora/)
Source: Free Music Archive (https://freemusicarchive.org/music/Dilating_Times/)
License: CC BY Attribution 4.0 International License
Edit

About Post Author

Lascia un commento

  • Registrazione Tribunale di Roma n.133/22 del 8/11/22

Shares
error

Enjoy this blog? Please spread the word :)

error: Content is protected !!