FURIOS3 AL PIGNETO: LA PASSEGGIATA RUMOROSA DELLE DONNE CONTRO LA PAURA

SI è svolta al tramonto di domenica 9 ottobre al quartiere Pigneto di Roma, la passeggiata di centinaia di donne che, con pentole, coperchi e qualsiasi oggetto rumoroso, hanno rivendicato il diritto di poter camminare a qualsiasi ora e in qualsiasi posto senza paura di essere aggredite, o peggio ancora, stuprate.

“Dopo le notizie sullo stupro dello scorso anno al parco del Torrione, e poi qualche giorno fa alla Garbatella e a San Lorenzo, ci siamo riunite per provare a dare una risposta collettiva, per dire che siamo consapevoli che alcune strade, alcuni posti, alcune parti di questa città ci sono precluse in quanto donne; ma che invece, insieme possiamo provare a riprenderci quegli spazi, possiamo provare a passeggiare rumorosamente insieme laddove non passeggeremmo mai da sole”. Queste le parole di una delle centinaia di donne che sono scese in strada domenica 9 ottobre al Pigneto per dire basta alla paura di muoversi a Roma dopo il tramonto e non solo.

Come spiegato in un comunicato stampa da Non Una di Meno Roma: “ Una serie di realtà del Pigneto e Nonunadimeno Roma, sono scesə per una passeggiata rumorosa , contro le violenze di genere che si sono verificate a Roma negli ultimi giorni come a Garbatella lo scorso lunedì, e nei prossimi giorni a San Lorenzo e di nuovo a Garbatella.
Take back the streets! In tantissimə , eramo ieri ! Una passeggiata rumorosa al Pigneto per riprenderci le strade del quartiere perché non vogliamo più avere paura di attraversare i nostri quartieri, le nostre strade, i nostri parchi.
Se toccano unə, toccano tutt3!”.

DUE STUPRI IN TRE GIORNI

Il primo episodio di violenza sessuale è stato subito da un ragazzo di 22 anni, violentato al culmine di una rapina, all’alba di sabato 1 ottobre al quartiere San Lorenzo. Tre uomini si sarebbero avvicinati al giovane, di ritorno da una serata con gli amici, derubandolo di orologio e cellulare. Poi, lo avrebbero costretto a un prelievo bancomat; non essendo riuscito a ottenere il denaro richiesto dai rapinatori, questi lo avrebbero portato in un posto isolato dove uno dei malviventi avrebbe abusato di lui. Il ragazzo, ferito e in stato di shock, è stato soccorso da un passante. La prognosi è di 30 giorni.

Lunedì 3 ottobre, una donna é stata aggredita e stuprata in via Valignano, al quartiere Garbatella, mentre andava a riprendere la macchina per riportare a casa le amiche con le quali aveva cenato al ristorante. L’aggressore l’ha colta alle spalle e spinta nell’auto. La donna ha dichiarato agli inquirenti che il violentatore era italiano, vestito con giubbotto rosso e guanti di lattice, come se avesse premeditato lo stupro. A tutt’oggi non risulta che l’aggressore sia stato arrestato, mentre la donna si trova ricoverata in ospedale, e da quello che è trapelato, teme che possa stuprare di nuovo.

LE VOCI DALLA PIAZZA

Ci siamo stufate del ruolo di madonna o di mignotta, o di vittime oppure di sottomesse; noi invece diciamo che le strade ce le riprendiamo senza paure e senza bisogno di chiedere più controlli, più telecamere e più polizia. La cosa fondamentale è il nostro corpo, la nostra presenza che impone a tutti un diverso modo di vivere non solo i quartieri ma complessivamene la nostra vita. Trasformiamo la paura in rabbia: noi siamo furiose, dobbiamo veramente stravolgere questa situazione; con le menti e i nostri corpi lo faremo e lo stiamo facendo“, ha detto un’attivista presente alla manifestazione. E anche noi ce lo auguriamo, davvero.

Copyright © 2022 TheWomenSentinel.net | Tutti i diritti riservati | Riproduzione Vietata |

About Post Author

  • Registrazione Tribunale di Roma n.133/22 del 8/11/22
  • Direttore Stefania Catallo

Stefania Catallo, romana e fondatrice del centro antiviolenza Marie Anne Erize. Si occupa di storia orale e di diritti delle donne. Giornalista e scrittrice, ha pubblicato diversi libri, l'ultimo dei quali "Evviva, Marie Anne è viva!" (2018, Universitalia), ha ricevuto il Premio Orsello nella sezione Società.

Redazione:

Emyliù Spataro

Emilio Spataro, in arte Emyliù, attore, chansonnier, fotografo, grafico. Di origine calabrese cirotana, vive a Roma. Webmaster del Magazine.

Saverio Giangregorio

Attivista ANPI e Amnesty International, femminista, si occupa anche di Jus Soli e della causa degli italiani senza cittadinanza. Segue dal primo giorno la vicenda di Giulio Regeni, di cui riporta l'amaro conteggio ogni giorno sui suoi profili social. Attivista ANPI per il senso di profondo rispetto verso coloro che ci hanno liberato da nazisti e fascisti. "Siamo una democrazia e indietro non dobbiamo tornare".

Mava Fankù

Opinionista disincantata, dotata di un notevole senso dell'umorismo e di una dialettica tagliente, Mava Fankù risponderà ai lettori del nostro magazine nella sua rubrica settimanale "La posta del cuore".  Niente sfuggirà al suo giudizio, tagliente ma mai cattivo, e a chi scriverà elargirà i suoi consigli per cuori feriti, timidi, birichini , tachicardici e brachicardici.

Lorenzo Raonel Simon Sanchez

Esperto in comunicazione, divulgatore e attivista per i diritti umani della comunità LGBTQ+

Alessio Papalini

Romano, educatore, formatore e appassionato di lettura e comunicazione

PATRIZIA MIRACCO

Psicoterapeuta e giornalista. Appassionata di arte e mamma umana di Aki, una bella cagnolina a quattro zampe di 4 anni.

Shares
error

Enjoy this blog? Please spread the word :)

error: Content is protected !!